Logistica digitale: è l’ora delle opportunità. Al via il lavoro del TTL sull’informatizzazione del settore

Digitalizzazione dei documenti di trasporto, formazione e alfabetizzazione tecnologica degli addetti, blockchain, utilizzo attivo dei droni, sportello telematico doganale e informatizzazione dei controlli. Sono queste alcune delle priorità indicate dai partecipanti al Think Tank della Logistica riuniti il 14 ottobre scorso sul tema della digitalizzazione e le nuove tecnologie nella logistica. Un settore che sconta ancora forti ritardi, basti pensare che l’Italia è uno dei pochi paesi europei che non ha ancora adottato il CMR elettronico, ovvero il documento di trasporto, colloquialmente chiamato “lettera di vettura internazionale”, idoneo a dimostrare il transito delle merci da un Paese all’altro.

Secondo gli esperti sarebbe proprio questo il momento più adatto per passare dalle parole ai fatti in modo da recuperare il terreno perduto anche in vista dei finanziamenti in arrivo con il Recovery Fund. La necessità di andare verso una logistica più smart è emersa in modo chiaro nel periodo del lockdown, quando molte realtà aziendali hanno dovuto improntare rapidamente sistemi e tecnologie più evolute per permettere la continuità produttiva.

Secondo il TTL si tratta di un’opportunità da non perdere per rendere la logistica italiana competitiva rispetto al mercato globale e dare al Paese un sistema industriale integrato ancora più efficiente, non solo in termini di investimenti infrastrutturali ma anche per quanto riguarda le reti e l’automazione dei processi. Il TTL produrrà un position paper sulle possibili azioni da mettere in campo immediatamente per avviare un rapido processo di migrazione verso la smart logistic. L’urgenza di passare dalle parole ai fatti è ormai chiara e imprescindibile per evitare che i ritardi di oggi si possano trasformare in fallimenti di domani. Il documento predisposto dal TTL sarà, come sempre, inviato alle istituzioni con l’obiettivo di fornire un utile contributo alle scelte politiche ed economiche dei prossimi mesi.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn