Pensiamo al futuro

Novembre è alle spalle, così come lo sono il G20 e il COP26. Un mese durante il quale abbiamo seguito l’iter parlamentare del Decreto Fiscale e gli sviluppi più o meno inaspettati dell’ultima variante Covid-19. Black Friday e Cyber Monday si sono dovuti confrontare con gli effetti di due anni di pandemia: la crisi delle materie prime ha rallentato la produzione, la crisi dello shipping globale ha provocato un massiccio sbilanciamento dei flussi container, soprattutto da e per l’Asia.

In attesa di conoscere il testo definitivo della Legge di Bilancio, e soprattutto, gli sviluppi della pandemia, le tante questioni legate al futuro del nostro settore e del nostro Paese continuano ad essere al centro del dibattito nazionale. Con i finanziamenti del PNRR, abbiamo la possibilità di porre le basi per ciò che avverrà nei prossimi 30-50 anni, ma questo può avvenire se e solo se il Governo è in grado di indicare una via, una traiettoria di sviluppo del nostro Paese. È fondamentale per il successo di questa stagione della nostra società, il new normal, che chi ci governa si prenda l’onere di tracciare un percorso, di spiegare a tutti noi qual è il futuro a cui stiamo tendendo e quali saranno le aree di priorità su cui tutti siamo invitati a convergere ed a contribuire. Crediamo davvero che questa sia un’occasione unica e irripetibile di salto quantico del nostro Paese, una occasione che non ci possiamo permettere di sprecare.

In questo contesto la logistica si presenta e si rappresenta sempre di più non come un servizio ma piuttosto come una formidabile leva di marketing: ormai la gestione dell’ultimo miglio e la consegna efficiente sono due elementi importanti per il successo delle aziende. Per questo motivo il Freight Leaders Council sta collaborando con l’Osservatorio Transport Compliance Rating (www.trc-global.org) per promuovere fra la committenza un sistema di valutazione dei propri fornitori, che possa da una parte aiutare gli uffici acquisti nella scelta delle aziende di  trasporto e logistica con cui non solo collaborare ma piuttosto creare delle partnership solide e durature al fine di minimizzare i rischi derivanti dall’interruzione della business continuity.

Dall’altro il TCR, attraverso uno strumento web di autovalutazione, consentirà alle aziende di autotrasporto di conoscere il proprio stato di salute in modo di migliorare ulteriormente la qualità dei loro servizi e magari immaginare degli scenari di coopetition a beneficio dell’intero comparto.

Di tutto questo, e di molto altro, abbiamo parlato in molte occasioni. il mese di novembre è stato fitto di appuntamenti e di incontri per il FLC a partire dall’Assemblea annuale dell’Anita, con la tavola rotonda “Rievoluzione – Verso un nuovo modello di filiera efficiente e collaborativa”. E, in precedenza, nella nostra intervista del Giornale della Logistica. A Ecomondo, dove il FLC è stato ospite di Scania, abbiamo approfondito i temi della decarbonizzazione e della digitalizzazione.

E ancora siamo stati ospiti al webinar “Patto per una logistica urbana sostenibile” organizzato da AICAI; al IV Forum Sostenibilità̀ organizzato da Fortune Italia, dedicato al tema dello sviluppo responsabile e sostenibile dell’economia globale; alla tavola rotonda “Smart Energy For Green Mobility” all’interno dell’IoMobility World.

Tutti i video degli interventi sono disponibili nel nostro canale Youtube, dove troverete anche le interviste di alcuni dei soci e degli amici che hanno partecipato alla cena svoltasi a Milano per celebrare i 30 anni del Freight Leaders Council: Giuseppina Della Pepa (ANITA), Alberto Frausin (Federdistribuzione), Philip Evans (European Freight Leaders Forum), Massimiliano De Masi (Poste Italiane), Daniela Corsini (Banca Intesa San Paolo), Enrique Enrich (Scania Italia), Natalino Mori (Transadriatico), Davide Cervellin (Infoblu Telepass), Valentina Tundo (CHEP), Giuseppe Acquaro (Terminali Italia), Alessandro Peron (FIAP), Fabrizio Ossani (Federtrasporti), Damiano Frosi (Osservatorio Contract Logistics Politecnico Milano), Daniele Marazzi (Consorzio Dafne), Paola Cossu (FIT Consulting), Alvise Di Canossa (past president e socio onorario FLC), Franco Castagnetti (socio onorario FLC), Luca Lanini (Comitato scientifico FLC, Università Cattolica Piacenza e Cremona).

Concludiamo dando il benvenuto e augurando buon lavoro alla professoressa Ilaria Giannoccaro, del Politecnico di Bari, che è entrata a far parte del Comitato scientifico del FLC.

 

Massimo Marciani 

Presidente FLC

Leggi qui la newsletter di dicembre
Iscriviti qui alla nostra newsletter
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
1991-2021 FLC compie trent’anni
Iscriviti alla nostra newsletter!