Intermodalità. Giachino al FLC: «Importante attivare gli incentivi»

«Il ministro Matteoli è impegnato ad attivare fin dal 2010 il «ferro-bonus», gli incentivi al combinato ferroviario, per trasferire quote di merci dalla strada alla ferrovia». Lo ha affermato il sottosegretario ai Trasporti, Mino Giachino, incontrando i rappresentanti del Freight Leaders Council che gli hanno illustrato un ampio documento sull’urgenza di interventi pubblici a favore dell’intermodalità.

«Gli incentivi ‘ferro-bonus’ promessi dal ministro Matteoli e il rifinanziamento anche per il 2010 delle ‘autostrade del mare’ che proprio questo Governo ha avuto il merito di sbloccare», ha aggiunto Giachino, «sono importantissimi, perché l’Italia è il Paese europeo che ha più bisogno di intermodalità. Per noi la congestione del traffico incide più del doppio della media europea e da sola ci costa almeno 2 punti di PIL. Se tutti insieme – dai porti agli interporti, dalle autostrade alle società di logistica – ci impegniamo a migliorare l’efficienza logistica del Paese del 10%, l’anno il Paese può recuperare quasi mezzo punto di PIL».

Il sottosegretario ha anche precisato che il «ferro-bonus» sarà inserito nella legge finanziaria per il prossimo anno, attraverso un emendamento in corso di predisposizione da parte del governo. «La copertura», ha precisato Giachino, «è stata già individuata, destinando a questa misura una quota delle risorse che saranno recuperate con il provvedimento del cosiddetto scudo fiscale».

Giachino ha anche assicurato che l’incentivo sarà coerente con le linee del Piano generale della logistica, il cui «aggiornamento partirà nei prossimi giorni, non appena completata e resa operativa la composizione della Consulta per la logistica e l’autotrasporto», proprio per «evitare una erogazione ‘a pioggia’ del contributo pubblico che ne disperderebbe l’efficacia e per finalizzarlo ad un reale riequilibrio dell’assetto concorrenziale tra le varie modalità di trasporto, anche in coerenza con gli orientamenti indicati dall’Unione Europea».

«L’obiettivo del Governo Berlusconi di far ritornare a crescere la nostra economia più di quanto non sia cresciuta negli ultimi quindici anni», ha concluso Giachino, «si potrà raggiungere, infatti, anche attraverso un forte sviluppo della logistica e della intermodalità».

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn