Convegno al Green Logistics Expo alla Fiera di Padova. FLC: ricette per la logistica sostenibile

Trasporti collaborativi, più  merci via treno, consumi meno “capricciosi” e più razionali

Roma, 7 ottobre 2022– L’impegno della logistica per la sostenibilità è stato al centro di un convegno organizzato dal Freight Leaders Council (FLC) all’interno della Fiera Green Logistics Expo a Padova.

Sono stati affrontati temi cruciali come la decarbonizzazione dei trasporti, il trasferimento delle merci dalla gomma al ferro, la “logistica collaborativa” per migliorare l’efficienza e la formazione degli operatori e dei consumatori.

Di “autostrade ferroviarie”, per rilanciare il trasporto via treno anche per i piccoli operatori logistici del Sud, ha parlato Viviana Gigantiello, direttore finanziario di Lotras:

Il servizio – ha detto Gigantiello – è partito nel settembre 2021 e abbiamo già trasferito dalla strada alla ferrovia 13 mila Tir con una forte riduzione di emissioni”.

Giuseppe Acquaro, AD e direttore generale di Terminali Italia (Gruppo Ferrovie dello Stato) ha sottolineato come il trasferimento delle merci dalla gomma al ferro è un obiettivo nazionale di sostenibilità non solo ambientale, ma anche economica e ha illustrato l’integrazione già in corso tra ferrovia e porti con servizi evoluti come lo sdoganamento delle merci non nei porti di arrivo, ma in centri logistici anche a centinaia di chilometri di distanza per decongestionare gli scali marittimi.

“Abbiamo già quattro corridoi ferroviari veloci -ha detto Acquaro – che collegano i porti di La Spezia, Ravenna e Gioia Tauro ai nostri centri logistici di Modena e Ravenna e siamo pronti ad estendere il servizio a tutti i nostri 17 centri logistici”.

Di “trasporto collaborativo” per coniugare efficienza e sostenibilità riducendo le corse a vuoto dei mezzi, ha parlato Valentina Tundo, vicepresidente di FLC per la sostenibilità, mentre Paolo Volta, AD di Pagiro, ha sottolineato l’esigenza di puntare sulla formazione sin dalle scuole, per passare dalla “logistica del capriccio”, cresciuta enormemente negli ultimi anni attraverso il commercio elettronico che ha abituato i consumatori ad ottenere i prodotti quasi in tempo reale, a una logistica più razionale che con uno o due giorni di attesa consentirebbe di razionalizzare i trasporti e ridurre di molto le emissioni inquinanti.

“Per realizzare una vera sostenibilità nel settore logistico – ha concluso Massimo Marciani, presidente di FLCè necessario promuovere modelli di economia circolare che coinvolgano non solo gli aspetti ambientali e digitali ma anche la sostenibilità sociale e la promozione della dignità del lavoro nel settore logistico. È infine necessario superare la settorialità delle diverse modalità’ di trasporto promuovendo un vero ecosistema integrato della logistica”.

*********

Il Freight Leaders Council da 30 anni contribuisce allo sviluppo della logistica sostenibile e dell’intermodalità. Libera associazione privata, apartitica e senza scopo di lucro tra aziende attive in ogni fase della supply chain, il FLC formula pareri, giudizi e indirizzi rivolti alle istituzioni, agli addetti ai lavori e all’opinione pubblica. Oggi intende proporsi come un Think Tank a sostegno di una logistica che si dimostra ogni giorno di più “l’industria delle industrie”.

Contatti stampa:

Elisabetta La Scala, stampa.flc@gmail.com, 345 5003091

Maria Abate, maria.abate@opengateitalia.com, 320 3874109

Giuseppe Acquaro AD Terminali Italia e vicepresidente FLC intervistato al Green Logistics Expo

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
1991-2021 FLC compie trent’anni
Iscriviti alla nostra newsletter!